DSCR: Rapporto di Copertura del Debito

Scopri l’indice finanziario prospettico

Il DSCR (Debt Service Coverage Ratio) è un indice finanziario prospettico che nell’ultimo decennio ha acquisito sempre più importanza fino a diventare un parametro fondamentale per le imprese.

Questo nuovo strumento permette di individuare in anticipo le crisi d’impresa, analizzando la capacità di rimborso del debito e la sostenibilità futura di quest’ultimo da parte dell’azienda.

Inoltre l’indice DSCR risulta di primaria importanza anche per gli istituti di credito. Le banche infatti lo utilizzano per analizzare la sostenibilità del debito di un’impresa, e lo considerano uno strumento fondamentale per determinare la solidità di un’azienda.

Di seguito ti indicheremo come si calcola il DSCR, su quale valore dovrebbe attestarsi e perché è necessario utilizzare un software dedicato.

Cosa valuta il DSCR?

Come già anticipato si tratta di un parametro utile ad individuare precocemente le crisi d’impresa e i relativi fallimenti.

Il DSCR non è un indice che fa parte da sempre del mondo della Finanza e dell’Impresa, ma è stato introdotto soltanto di recente.

Questo perché le crisi economiche che negli ultimi anni hanno colpito l’Italia, hanno spinto il Governo e le Istituzioni ad introdurre uno strumento in grado di valutare la generazione e l’assorbimento dei flussi di cassa da parte dell’impresa.

La normativa – D.Lgs n° 139/2015

Con il Decreto Legislativo 139/2015 sono stati quindi introdotte interessanti novità nell’ambito della gestione economico-finanziaria dell’impresa. Tra queste segnaliamo l’obbligo di redigere un rendiconto finanziario da parte di tutte le società che già redigono i propri bilanci in forma ordinaria.

Il rendiconto finanziario andrà quindi inserito tra gli schemi di bilancio obbligatori e di conseguenza nel bilancio consolidato.

La riforma attuale – D.Lgs. n° 14/2019

Al Decreto Legislativo del 2015 si è aggiunto anche un nuovo Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza, approvato dal Consiglio dei Ministri il 10 Gennaio 2019 (D.Lgs. n°14/2019).

Il Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza ha introdotto gli strumenti di allerta e prevenzioni delle crisi economiche.

Si tratta di alcuni indici, tra cui il Debt Service Coverage Ratio, in grado di rilevare le sofferenze economiche dell’impresa e offrire una rapida analisi sui possibili risvolti futuri. Ovvero se l’impresa sarà in grado di far fronte ai propri debiti oppure no.

Di conseguenza il DSCR fornisce dati utili per capire fin dove può spingersi (economicamente) un’azienda, se ha le capacità per rimborsare il debito ed il livello di sostenibilità di quest’ultimo in ottica futura.

La riforma futura – Codice della Crisi d’Impresa 2022

Il 13 ottobre 21 il Senato ha approvato la legge di conversione per la crisi d’impresa che entrerà in vigore dal 16 maggio 2022.

Tra le novità più interessanti segnaliamo che l’OCRI (Organismo di Composizione della Crisi d’Impresa), sarà operativo dal 31 dicembre 2023; entrerà in fu l’introduzione della composizione negoziata della crisi d’impresa (l’imprenditore verrà affiancato da un esperto con lo scopo di risanare l’impresa in crisi) e l’utilizzo di nuovi indici di allerta (che diventeranno però obbligatori a partire dal 2024).

Quindi al DSCR (Debt Service Coverage Ratio) si affiancheranno:

• strumento di monitoraggio dell’andamento dell’impresa;

• indice per prevenzione della manifestazione dello stato di insolvenza.

Come si calcola il DSCR?

Se ti stati chiedendo come si calcola il DSCR, ti informiamo che si tratta di un’operazione semplicissima. Basterà dividere il valore del “Cash Flow Operativo – Tax” per il “Flusso Finanziario a Servizio del Debito”.

Ovvero:

Il “Cash Flow Operativo – Tax” rappresenta il cash flow (flusso di cassa) prodotto dalla tua azienda, al netto delle tasse (imposte sul reddito d’esercizio). Quindi per calcolare questo valore dovrete prendere quello relativo al cash flow e ad esso sottrarre le spese fiscali.

Il “Flusso Finanziario a Servizio del Debito” invece è un parametro che indica il flusso finanziario utile per il pagamento degli interessi passivi, e di conseguenza il flusso della quota capitale legata ai vari finanziamenti ottenuti.

Non dovresti avere alcuna difficoltà ad effettuare il calcolo del DSCR, ma ovviamente sarà molto più complicato risalire a tutti i dati utili per effettuare il calcolo (quindi Cash Flow Operativo Tax e Flusso Finanziario a Servizio del Debito”.

Se ti interessa calcolare il DSCR puoi dare uno sguardo ai nostri software e ai vari servizi finanziari che offriamo. Ready Finance si rivela utilissimo per calcolare velocemente e con la massima precisione il Debt Service Coverage Ratio della tua azienda.

Quanto deve essere il DSCR?

Il DSCR (Debt Service Coverage Ratio) di norma dovrebbe avere un valore compreso tra 1,20 e 1,30.

Questo range di valore rappresenta il minimo dal punto di vista bancario e dei creditori istituzionali. Ci teniamo comunque a precisare che più è alto il livello di rischio del progetto (parametro valutato nel Business Plan) maggiore sarà il valore minimo di DSCR richiesto.

Ecco una scala di valori del DSCR, con relative info su ognuno di essi.

  • DSCR < 1 –    L’azienda è vicina all’inizio di una crisi economica (ragionevole presunzione dello stato di crisi dell’impresa);
  • DSCR = 1 –    L’azienda è in “pareggio” con il Debt Service Coverage Ratio e non possiede cash per effettuare investimenti o per distribuire dividendi agli investitori.
  • DSCR > 1   –    L’azienda presenta una situazione economica positiva, può permettersi di effettuare piccoli investimenti e di distribuire i dividendi.
  • DSCR > 1.2 –    L’azienda è economicamente in perfetta salute, può permettersi grandi investimenti e distribuzione dei dividendi.

Ready Finance è un software che risponde in modo completo alle esigenze della Legge 155 / 2017
perché integra i dati aziendali con i dati necessari alla pianificazione aziendale.
Attraverso l’inserimento di Budget economici e la trasformazione di questi in chiave finanziaria e la possibilità di inserire movimenti finanziari non ancora presenti nella contabilità aziendale, consente di determinare i flussi finanziari futuri.

Richiedi una demo gratuita

Un nostro incaricato si metterà in contatto per pianificare con te il momento migliore per una dimostrazione gratuita e illustrarti tutti vantaggi di Ready Finance

Leggi qui l'informativa privacy
Dichiaro di avere preso attenta visione dell’informativa sulla privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali per le finalità al suo interno, ex art. 6, par. 1 lett. A) del Regolamento (UE) 2016/679. *

Vi informiamo inoltre che i Vostri dati saranno trattati solo ed esclusivamente da HBT SA SRL o da soggetti espressamene incaricati per l’esecuzione di alcuni dei servizi richiesti e non verranno ceduti a terzi senza un Vostro previo consenso, in osservanza del Regolamento (UE) 2016/679.